SHAKER 20: SE MI GUARDI TI VOTO

 

Pur essendo il diritto al voto garantito a tutti i cittadini italiani, molto spesso chi vive per strada non si reca alle urne per motivi che hanno a che fare, il più delle volte, con la propria condizione di disagio e di indigenza. Non solo i senza tetto hanno difficile accesso al voto: nessun candidato, ad esempio, pensa ad una campagna elettorale che sia accessibile ai disabili psichici, mentre gli stranieri che vivono nel nostro Paese sono del tutto esclusi dall’elettorato attivo e passivo.

Nel numero di Shaker, che presenta tra l’altro un’interessante intervista a Berardino Guarino del Centro Astalli di Roma e un editoriale dell’on. Khalid Chaouki, la tematica del voto è affrontata attraverso racconti di vita, esperienze vissute ed opinioni di chi trova delle difficoltà ad esercitare questo diritto, perché fa parte della categoria dei cosiddetti “invisibili”.

Invisibili o inguardabili? Su questa differenza, tutt’altro che sottile, si gioca la campagna di comunicazione Se mi guardi ti voto. Nelle immagini di Francesca Mancini, i redattori di Shaker affermano qualcosa di davvero importante. In primo luogo, che non sono invisibili, anzi: sono visibili, vivi e votanti. Basta guardarli, basta ricordarsi che il rapporto tra elettore e candidato è un’interazione vera, seria, costruttiva, che funziona solo se tutti gli occhi sono bene aperti sulla vita dell’altro.

Shaker - 20
SHAKER 20

SFOGLIA IL GIORNALE

SCARICA IL PDF

 

Indice

Editoriale doppio

Pino Scala

On. Khalid Chaouki

Shaker’s Corner

Alessandro Radicchi

Speciale Voto

Se mi guardi ti voto: persone senza dimora, immigrati e diritto di voto

503.492 voti dimenticati

Chi si reca al voto? Spinto da quale motivazione? Riflessioni e opinioni dei redattori di Shaker sul diritto al voto

Poesie e racconti

Inviati di strada

Tre passi verso il voto

Storie

Storia di Georgia

Il vocabolario di Shaker

Parliamone

Intervista a Berardino Guarino

La parola all’esperto

Diritto di voto e residenza: Antonio Mumolo

Esperienze

Pasquetta in bicicletta

Segnali di strada