TELESTRADA PRESS, A CATANIA UN NUOVO GIORNALE DI STRADA

Tra le cose belle di questo mese, che riguardano il mondo del sociale e del Terzo settore,  c’è, sicuramente,  la nascita, a Catania, del mensile Telestrada Press.

Un giornale scritto dalle persone senza dimora. Un po’ il nostro “fratello” siciliano.”Il mensile tratta i temi della strada, ma lavoriamo come tutti i giornali. Abbiamo una redazione formata da giornalisti professionisti e redattori di strada” – afferma Gabriella Virgillito, la direttrice del neonato mensile – “La redazione esiste dal 2008, da quando abbiamo fondato la Web tv di Telestrada. Il giornale di strada è uno strumento, assieme ad altri, per cercare fondi per non far cessare l’esperienza della redazione”. I redattori hanno una lunga strada alle spalle e si dà voce a chi non ha voce. “Gli articoli – specifica Tony, uno dei redattori –  vengono spontanei e non vi sono particolari difficoltà”.

La rivista viene diffusa principalmente nelle parrocchie: finora sono state telestrada-press-dei-senza-tettovendute, in pochi giorni, 250 copie e si pensa che alla fine del mese arriveranno a 2.000. La sede del mensile è la locanda del Sammaritano, una casa gestita dai padri Vincenziani per dare accoglienza ed assistenza a chi si trova in difficoltà. I soldi per l’iniziativa vengono, tra le tante attività, dall’orto sociale ossia dalla vendita di prodotti biologici prodotti da una serie di fattorie. Una bella e interessante idea che Massimiliano, uno dei redattori, ha provato in prima persona: “Per me che vivo in città l’orto sociale è una bella cosa, si sta all’aria aperta e si scoprono odori nuovi”.  Dunque tante iniziative, tra cui anche quella del giornale di strada per finanziare una realtà importante della città. Altra fonte di finanziamento per l’ente che pubblica Telestrada Press è la divulgazione di libri presso le scuole: lo si fa con l’ape Piaggio chiamata Pina, che gli è stata regalata da una radio locale.

È certamente un’esperienza da elogiare, perché unifica tante attività, tutte portate avanti per farsi conoscere e per far conoscere dei modi nuovi di comunicazione. Che le novità vengano da dei senza fissa dimora è la dimostrazione del coraggio e della forza di volontà di chi vive ogni giorno il disagio di non avere una casa e un lavoro. A Catania se lo sono inventato e con ottimo successo. Speriamo che l’iniziativa arrivi a buon punto: la redazione ce l’ha messa tutta per soddisfare le esigenze dei senza casa e rivolgendosi al pubblico, vuole portare una voce nuova nel panorama della città e del mondo di chi non ha lavoro e casa.
VIDEO INTERVISTA