UN PASSATEMPO PER RICCHI

Il gioco d’azzardo non è altro che un passatempo per ricchi. È una macchina che mangia i soldi dei cittadini, autorizzata dallo Stato. Anche la malavita fa affari in questo settore. Insomma, sul gioco d’azzardo ci si può speculare. Molte persone vanno a giocare alle slot machines, pensano di vincere, ma purtroppo per loro è solo una grande illusione. Ad esempio, ho visto tanti pensionati  giocarsi tutto, sperperando così la propria pensione. Le mogli baccagliano perché non ce la fanno, ma anche loro hanno dei vizi: comprano abiti, si fanno belle e quindi i soldi non bastano mai.

Dalla mia esperienza posso dire che è meglio lavorare che spendere soldi nelle sale scommesse. Per un periodo ho frequentato le agenzie ippiche. Insomma, sono “andato a finire sotto ad un treno” con i cavalli. Di solito mi ritrovavo con i miei amici alla sala scommesse in Via dei Mille. Lo consideravo un passatempo: rivedevo vecchi compagni, passando delle ore con loro. Volevo che il tempo non finisse mai perché era piacevole non stare solo, ma in compagnia, tra una chiacchera e l’altra, e ogni tanto ci scappava una scommessa. Al giorno spendevo circa dieci euro in puntate sui miei cavalli preferiti. Il clima in sala era abbastanza acceso, c’era tanta euforia, un gran vociare di persone che avevano come unica fissazione la scommessa. Ad un certo punto, però, mi sono stranito e, dal momento che mi era stato offerto un lavoro ed un percorso da seguire, ho puntato su una strada diversa.

Oggi seguo il mio percorso di reinserimento sociale, ho un lavoro, una pensione, un posto per dormire, una casa a Binario 95. Ed è da tanto che non faccio scommesse di alcun genere. Certo, mi rimane la voglia di rivedere i vecchi amici che di solito frequentavo in quei posti.