IL MOMENTO PIÙ BELLO DELLA SETTIMANA VIEN SCRIVENDO

Il laboratorio di scrittura, per me, rappresenta il momento più bello della settimana. E questo è stato un anno speciale, per il laboratorio di scrittura di Binario 95, con tante belle novità, culminate con l’arrivo di professionisti della scrittura, al nostro incontro del giovedì.

Il laboratorio nasce nel 2007 ed io sono uno dei primi a partecipare. Rappresenta un momento importante per la vita del centro perché ci tengono gli ospiti a farsi redattori e a parlare, attraverso i temi che ci vengono proposti, della loro vita personale. Gli argomenti sono semplici e riguardano fatti quotidiani. Ognuno può scrivere ciò che più gli piace e in piena libertà si possono trasmettere le loro proprie impressioni. Il tutto dura circa due ore, che sono molto belle da trascorrere. Non ho mai perso un appuntamento col laboratorio di scrittura e quelle rare volte che non vi ho partecipato, ne ho sentito la mancanza. Il laboratorio è fatto da redattori che sono anche ospiti di Binario 95 ed è diretto da due operatori. Vi partecipano anche i volontari, che sono bravi nell’adattarsi con noi. Le novità sono sempre di ben accetto e confermano la vitalità del centro di accoglienza. C’è la musica, che ci fa compagnia e ci segue nella scrittura. Il tutto congegnato per avere un risultato finale che soddisfi i redattori e chi organizza gli incontri.

Dalle voci dirette dei partecipanti Antonio, Nadia e Rita, delle impressioni audio su questo bel momento:

                       

Quest’anno sono venuti a trovarci degli scrittori, quelli veri: c’è stato l’autore di gialli, la narratrice, il poeta, colui che scrive fantasy e la giornalista. Inoltre, durante il corso di questo laboratorio è stata data ai partecipanti la possibilità di condurre un laboratorio. Potevamo essere noi, questa volta, a scegliere il testo della giornata e proporre un esercizio ai nostri compagni. Io mi sono presentato con “La passeggiata”. I redattori dovevano scrivere una passeggiata fatta durante la loro vita.

Un buon anno quindi, denso di avvenimenti e di sorprese che si è concluso con la consegna degli attestati di partecipazione, un gran bel riconoscimento per tutti noi.